Tre consigli per usare l'aerografo

Avete iniziato a usare quel magico strumento che è l’aerografo? Armatevi di pazienza e preparatevi ad avere delle grandi soddisfazioni!

E, mentre fate pratica, ecco per voi tre consigli per usare al meglio il vostro aerografo.
 

IMPOSTAZIONE DELLA MANO

Tre consigli per usare l'aerografo


1) L’aerografo si impugna come una penna o un pennarello: la postura, come vi avevamo raccontato in questo articolo, coinvolge il pollice, l’indice e il medio.

Ma, contrariamente a penne e pennarelli, nel caso dell’aerografo è utile avere tre punti di appoggio sulla mano, senza dunque utilizzare l’indice come un “blocco” insieme alle altre dita.

L’indice servirà, sì, ma per manovrare il pulsante; se lo userete per bloccare l’aerografo con il pollice e il medio, vi farà perdere sensibilità e non trascinerete correttamente il tasto (operazione, invece, piuttosto importante per una buona riuscita del lavoro).

Tenete quindi sollevato il dito indice e provate a impugnare l’aerografo posizionando pollice e medio lateralmente, a destra e sinistra dello strumento, e appoggiando la parte posteriore del manico sull’incavo della vostra mano, tra il pollice e l’indice.

Tenete il tubo dell’aria appoggiato sull’avambraccio, per evitare che durante il lavoro si impigli e vi disturbi nell’esecuzione.
 

DIREZIONE DI LAVORO

Tre consigli per usare l'aerografo


2) Quanto usate laerografo, il colore nebulizzato assumerà una forma conica, il cui vertice è costituito dall’ugello.

Ricordate: perché la quantità di colore che arriva sulla superficie sia omogenea, è necessario che la vostra direzione di lavoro sia costantemente perpendicolare.

Una direzione diversa determinerà un’eccessiva concentrazione di colore nelle parti più vicine all’aerografo (e, di conseguenza, minore in quelle più lontane).
 

MOVIMENTO DELLA MANO

Tre consigli per usare l'aerografo


3) Abituatevi ad aerografare tenendo una direzione sempre perpendicolare alla superficie di lavoro, e a muovere non solo la vostra mano ma l’intero vostro avambraccio su un piano parallelo, senza ruotare mai il polso, soprattutto se siete alle prime armi con questa disciplina.

Con la pratica potrete imparare a sfruttare e a governare anche altri tipi di movimenti: vi sarà “permessa” una leggera rotazione del polso per le variazioni di spessore o altri effetti che hanno a che vedere con una differente distribuzione del colore.

Ora però divertitevi a mettere in pratica questi pochi ma essenziali consigli: con il tempo acquisterete sempre più manualità con il vostro aerografo!

 

 

Vuoi provare il nostro servizio con il 5% di sconto? Iscriviti!

Viceconti srl - PI. 02616660235 - Via Fenil Novo, 18 - 37036 San Martino B.A. (VR) Credits: Gruppo Volta