SPESE DI SPEDIZIONE: € 3 CON UN ACQUISTO DI 100 EURO

PARTNER ITALIA PROXXON & DREMEL

Modellismo navale, Tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia

Modellismo navale, Tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia


Modellismo navale
, tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia. Si tratta di un passo molto delicato e importante: il montaggio delle ordinate alla chiglia deve essere eseguito perfettamente, per un risultato ottimale! Infatti, le ordinate con la chiglia devono formare un esatto angolo di 90 gradi, perpendicolari in modo perfetto per non formare alcuna inclinazione verso prua o verso poppa. Per maggior agevolezza nel lavoro, si consiglia di iniziare dalla ordinata di prua. Iniziamo!


Tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia nel modellismo navale

Per assemblare le ordinate alla chiglia, si inizia spalmando di colla gli incastri, ovviamente dalla parte interna, sia della ordinata che della chiglia. A seguire, si fissa al suo alloggio. Per un lavoro preciso, si consiglia di aiutarsi con una squadra da disegno, affinché la perpendicolarità sia esatta: l'angolo retto della squadra deve coincidere con quello della chiglia con la sua ordinata. Si procede in questo modo per tutte le ordinate fino a quella di poppa, e a questo punto si consiglia di lasciare essiccare la colla per una nottata. Proseguirete il giorno dopo!

Quando la colla sarà asciutta, controllate che tutto risulti nella giusta collocazione: il collante vinilico è perfetto ma attraverso l'uso è possibile che le parti tendano a ritirarsi con l'essiccamento. Quando tutto è a posto, potete proseguire. A questo punto, controllate il vostro disegno: la parte centrale delle ordinate dovrebbe essere marcata con una linea. Se non dovesse essere riportata, è consigliabile delinearla: sarà molto utile per mantenere l'ordinata centrata alla chiglia, che non deve riportare inclinazioni. In questo modo, avrete lo scheletro dello scafo perfettamente allineato e pronto per il rivestimento del fasciame.

Prima di procedere con il rivestimento, si consiglia di verificare la forma della nave a prua e a poppa. Molto spesso infatti la prua risulta bombata mentre la poppa sfinata. Queste caratteristiche impediscono al fasciame di rivestimento di aderire bene. Per ovviare a questo problema, si procede con una operazione nota come Angolo di Guardabuono: tale operazione, che veniva eseguita dai maestri d'ascia nelle imbarcazioni vere, consiste in uno smussamento delle ordinate che presentano tali difetti. Per farlo, prendete un listello da rivestimento e fermatelo all'estremità della prua, portandolo lungo tutta l'ossatura. Vedrete infatti che sarà necessario asportare gli spigoli delle costole, prima che esso si adatti perfettamente! Una volta eseguita questa operazione, si procede con il rivestimento.
 

Modellismo navale, Tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia


Come eseguire il rivestimento dei listelli: la progettazione

L'ossatura della nave un tempo veniva ricoperta di legno sia all'interno che all'esterno: le travi di legno sono note come fasciame della nave. Solitamente, i listelli utilizzati sono di tiglio, ma tutto dipende dal tipo di vascello e dalla scala. Per effettuare questa operazione particolarmente delicata ci vogliono pazienza e molta scrupolosità: i listelli devono essere collocati in modo preciso da poppa a prua, per una perfetta riuscita del modello! Per tale motivo, si consiglia di progettare l'operazione su carta da disegno con l'ausilio di una squadra e di una riga.

Tracciate una linea retta della misura della lunghezza dello scafo. Riportate verticalmente, e alle giuste distanze, i punti d'incastro delle singole ordinate, ad esempio 13. Verticalmente si disegnano delle semirette che saranno parallele le une alle altre, numerandole da 1 a 13: questa è la prima rappresentazione delle ordinate. Misurate il perimetro della prima semiordinata, e riportate la lunghezza ottenuta sulla prima linea parallela corrispondente alla proiezione in piano. Fate così per ogni ordinata. Le misure ottenute potranno essere mm 200 per l'ordinata maestra, 120 per l'ultima a poppa e 180 per la prima a prua.

Ora, il perimetro dell'ordinata maestra può essere 200 mm; se i listelli hanno una larghezza di 5 mm, ne serviranno 40 per rivestire il perimetro. A poppa invece i 120 mm di spazio non bastano per tutti i 40 listelli dell'ordinata maestra, dunque basta dividere i 120 mm per tale numero di listelli, dunque 40, e avremo 3 mm, ovvero l'esatta larghezza a poppa di ognuno dei 40 listelli. Lo stesso calcolo va fatto per la prua: dividendo i 180mm per 40 otteniamo 4,5 mm, che sarà la larghezza a prua necessaria per i listelli. Lo stesso calcolo andrà svolto per ogni singola ordinata, per entrambe le fiancate. Ricordate di segnare sul vostro progetto ogni singola misura ottenuta.
 

Modellismo navale, Tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia


Come perfezionare i listelli in base alle misure ottenute

Una volta eseguiti tutti i calcoli, si dovrà perfezionare i listelli, operazione nota con il termine di rastrematura. Usando un piccolo pialletto, cambiando le lame per ogni misura attraverso un calibro, si potrà piallare ogni listello in modo preciso. Per farlo, sul banco di lavoro fissate in parallelo, a distanza uguale allo spessore dei listelli, due asticelle di altezza 1m/m. Si forma una morsa da banco dove inserire il listello, fermo e pronto per essere lavorato, con pazienza e precisione!


L'applicazione del fasciame

Una volta ottenuta la giusta misura per ogni listello, è tempo di applicare il fasciame allo scafo. Si consiglia un doppio fasciame, che consiste nel rivestire prima con dei listelli di tiglio facili da modellare, operazione che consentirà di verificare, una volta finito, se ci siano avvallamenti o aperture tra i listelli che possono essere riparati con dello stucco. A quel punto, si potrà rivestire con del secondo fasciame per ottenere il risultato perfetto, con legno pregiato come noce, mogano, bosso ecc. Tenete presente l'indicazione "incinta" sul modello: questa è l'indicazione relativa ad un listello più spesso (possono essere anche due o tre), che si usa per il rivestimento finale. Si applica in tutte e due le fiancate del modello, fissandoli in modo provvisorio con dei chiodini. Ora si inizia il rivestimento, partendo al di sotto dell'incinta. Procedete con l'applicazione in base alle misure ottenute nei vostri calcoli: la precisione è tutto!

Create le sagome di prua e poppa per l'alloggio dei listelli: queste infatti hanno curvature marcate, come già precisato prima. Se applicate un unico fasciame, non dovete commettere errori: ecco perché il doppio fasciame risulta più semplice, ed è consigliato ai più inesperti. Per alloggiare i listelli, fate sempre riferimento al vostro foglio di progettazione: come detto, la precisione è tutto! Si applicano due o tre listelli per volta su ambedue le fiancate, tenendo sempre sotto controllo la simmetria. Si procede fino a completare il rivestimento. Fate attenzione ad applicare il collante su entrambi i bordi del listello e sulla parte delle ordinate. Dei chiodini o degli spilli vi aiuteranno nell'operazione. Dei piccoli fori sul listello, ottenuti con la punta del trapano più piccola, eviteranno che i listelli si rompano quando vengono inchiodati. Nelle curvature, i bordi dei listelli andranno bagnati e con un piega listelli caldo si darà la giusta curvatura. Si potrà usare un saldatore o comunque una piccola fiamma. A questo punto l'operazione è terminata, e si potrà procedere con la verniciatura.


La verniciatura dello scafo

Per quanto riguarda le navi antiche, è consigliabile lasciarle nel colore naturale del legno. Se il modello prevede la colorazione dello scafo, si potrà procedere con l'operazione, ma non prima di aver dato una passata di imprimitura con cementite su tutta la superficie. Il risultato sarà un effetto ruvido, ma basterà passare una carta vetro finissima per levigarlo.

Per lasciare il colore del legno naturale, si può passare della vernice trasparente, oppure a cera, un po' più complesso ma di maggiore effetto. Il trasparente si passa come qualunque altra vernice; per un migliore effetto si consiglia la vernice opaca o semi-lucida. Per il procedimento a cera invece dovrete procurarvi un pezzo di cera d'api, tagliarla a pezzetti e metterla in un pentolino con trementina. Mettete sul fuoco fino a liquefazione, mescolando per amalgamare. Imbevete un panno di cotone con il liquido ottenuto e passatelo sul legno in modo energico. Lasciate che il legno assorba il composto, assorbendo gli eventuali eccessi di cera. L'operazione andrà ripetuta e infine la superficie andrà strofinata con un panno di lana. Si sarà formata una patina lucida, bella e particolare, sicuramente diversa da quanto si otterrebbe con la vernice trasparente.
 

Modellismo navale, Tutorial assemblaggio delle ordinate alla chiglia


Il ponte di mezzo e il ponte di coperta

Terminata la verniciatura, si può passare ai ponti di mezzo e di coperta. Descriviamo la procedura solo per il ponte di coperta (anche perché non tutti gli scafi prevedono il ponte di mezzo). Si raccomanda di procedere al centraggio delle bocche di fuoco con molta precisione, altrimenti la linea sarà irregolare e il modello sarà compromesso. Basta seguire la curvatura del ponte, sia per il ponte di mezzo che per quello di coperta. Per forare le bocche dei cannoni, procuratevi una punta da trapano piccola e forate intorno al segno fatto in precedenza. Con una lama da traforo sottile asportate la parte, stando appena dentro la linea. Usate la lama con le mani, non con l'archetto, ne avrete maggior controllo. Con una lima sottile rifinite tutto.

Ora si fissa il ponte con colla e chiodini. Esso è costituito da una tavoletta di compensato da 1 m/m o da 0,5 mm (in base alla scala) opportunamente sagomata. I chiodini verranno tolti una volta essiccata la colla. Una volta sagomato il compensato, segnate e forate le aperture, anche quelle degli alberi. I listelli del ponte vanno applicati su linee dritte da prua a poppa: tracciate una linea centrale a metà del ponte, procedendo dal centro ai lati esterni. Seguite l'ordine delle misure a partire da poppa, e applicateli con colla e chiodini uno di seguito all'altro, fino a prua. C'è da dire che gli elementi sono molto diversi in base alla tipologia di nave, ma questi passaggi vanno bene per tutti!

Occorrono sempre tanta pazienza e precisione, ma seguendo le istruzioni otterrete sicuramente un modello perfetto!

Viceconti srl - PI. 02616660235 - Via Fenil Novo, 18 - 37036 San Martino B.A. (VR) Credits: Gruppo Volta