SPESE DI SPEDIZIONE: € 3 CON UN ACQUISTO DI 100 EURO

PARTNER ITALIA PROXXON & DREMEL

Tornio meccanico: come funziona questa macchina utensile ?


I torni a controllo numerico sono una tecnologia ampiamente utilizzata e integrata, ma il tornio parallelo manuale rimane il protagonista indiscusso dell'officina per la sua facilità d'uso e le elevate velocità di lavorazione. Insieme al trapano a colonna, il tornio parallelo è una delle macchine più apprezzate nelle moderne officine meccaniche, perché facile da usare e versatile: può quindi essere considerato il padre di tutti i torni esistenti sul mercato.


I torni paralleli sono adatti per piccole produzioni di serie e pezzi semplici e relativamente piccoli (es. geometrie da 5 a 400 mm di diametro e fino a 1.500 mm di lunghezza).

La potenza del motore disponibile può arrivare a diversi kilowatt, mentre la velocità del mandrino è compresa tra 50 e 3.000 giri/min.

Il movimento di taglio è assicurato dalla rotazione del pezzo da parte del mandrino, mentre l'utensile si muove lateralmente e longitudinalmente con i movimenti di avanzamento e posizionamento.




Per le lavorazioni al tornio si utilizzano ormai sempre più spesso utensili con inserti in metallo duro o ceramica (famose placchette), ma si utilizzano anche utensili con inserti saldobrasati Widia o HSS (High Speed ​​Steel, Steel). ), particolarmente indicato per la tornitura di forme speciali.
 

Le lavorazioni standard eseguibili sui torni manuali sono le seguenti
 
  • Tornitura cilindrica sia interna che esterna;
  • Tornitura conica
  • Sfacciatura, anche detta intestatura;
  • Troncatura ed esecuzione di gole;
  • Foratura, alesatura e barenatura;
  • Filettatura sia per interni che per esterni;
  • Godronatura.

Come è fatto un tornio parallelo ?

Sono diverse le parti del tornio parallelo manuale, ciascuna con caratteristiche e funzioni differenti.

 

Basamento tornio 

Il basamento del tornio sostiene tutte le parti della macchina e ne garantisce la reciproca rigidità e il corretto allineamento.

Di solito è realizzato in ghisa per garantire una maggiore stabilità.
Nella parte superiore del vassoio sono presenti due binari prismatici su cui scorre il carrello.
Solitamente è presente un'uscita (o una parte di guida rimovibile) vicino alla testata motrice per garantire la possibilità di lavorare pezzi di grandi dimensioni.

Le guide sono rettificate e temprate per resistere all'usura e garantire un basso attrito e sono progettate per vincolare correttamente i gradi di libertà cinematici della contropunta e del carrello: le due slitte sono infatti guidate da un lato da un piano e dall'altro da un prisma.

Gruppo testa motrice o cassa ingranaggi

La testa motrice contiene gli ingranaggi per la variazione della velocità di rotazione della linea mandrino tramite un cambio a cinghia, inoltre, alimenta l’avanzamento del carro tramite la vite madre (per le filettature) e tramite la barra scanalata (per il normale avanzamento).

Mandrino autocentrante 

Il mandrino autocentrante afferra e centra il pezzo da tornire grazie a delle griffe.

Il mandrino autocentrante è accoppiato sull’albero o linea mandrino che è l’albero cavo su cui si monta l’autocentrante.

L’albero mandrino prende il moto dal gruppo testa motrice grazie alle ruote dentate calettate su di esso, ed è sorretto dai cuscinetti su cui poi si scaricano le forze di taglio, ha un foro passante che varia in diametro a seconda delle dimensioni della macchina e che permette la tornitura di lunghi tondini. 

Controtesta o contropunta

È situata all’estremità del basamento opposta alla testa motrice e fa da contro-sostegno al pezzo in lavorazione.

È libera di scorrere sulle guide del bancale e viene fissata ad esso tramite una leva con eccentrico o con una vite.

Ruotando il volantino posteriore, si fa scorrere assialmente un canotto su cui viene montata la contropunta (o il mandrino da trapano per eseguire fori e filettature).

Gruppo slitta

È costituito dal carro trasversale e dal carrellino superiore (manuale) e ha la funzione di guidare l’avanzamento dell’utensile sul pezzo permettendo la lavorazione manuale o automatica.

Nella parte inferiore, inoltre, è presente il grembiale, che prende il moto rotatorio dalla barra scanalata, o dalla vite madre, e lo trasforma in moto di avanzamento automatico dell’utensile. 
 

Questa è solo una breve introduzione al mondo dei torni se sei interessato a conoscerne di più contattataci o guarda la nostra selezione di modelli

 

Viceconti srl - PI. 02616660235 - Via Fenil Novo, 18 - 37036 San Martino B.A. (VR) Credits: Gruppo Volta