SPESE DI SPEDIZIONE: € 3 CON UN ACQUISTO DI 100 EURO

PARTNER ITALIA PROXXON & DREMEL

Il Modellismo: non solo una passione ma una vera e propria arte

Il Modellismo: non solo una passione ma una vera e propria arte


Il modellismo è un'attività artigianale davvero antica che si contraddistingue per essere, oltre che una passione,  una vera e propria arte. Essenzialmente il modellismo consiste nella creazione di modelli in scala che possono poi svolgere la funzione di prototipi per l'industria manifatturiera, per la progettazione architettonica o artistica, di complementi d'arredo dal grande pregio e valore, di pezzi da collezione ma che possono addirittura partecipare a delle competizioni .

Attualmente l'aspetto funzionale di questa attività e quindi anche la figura del modellista artigiano va sempre più scomparendo per essere sostituito dai moderni software di progettazione che creano così nuove figure professionali, come i disegnatori tecnici ad esempio, esperti nell'utilizzo di questi elaborati sistemi. Negli ultimi anni il modellismo viene infatti sempre più relegato a semplice hobby ma chi, come noi, coltiva questa passione da lungo tempo sa benissimo che defirnirlo tale risulta assolutamente riduttivo. Il modellismo è creazione, costanza, dedizione, cura del dettaglio, manualità, ricerca e tanta tanta passione. È insomma una vera e propria forma d’arte con la quale poter dar vita a degli eccelsi e spettacolari capolavori d’artigianato. Ma da dove trae le sue origini il modellismo? Cerchiamo di scoprire qualcosa di più.

STORIA DEL MODELLISMO

La storia del modellismo comincia nella notte dei tempi in cui si faceva già sentire la necessità di creare dei modelli, necessità che di fatto si materializzò come  una prima forma rudimentale di arte che riproduceva principalmente figure umane stilizzate. Con gli antichi egizi compaiono alcuni tra i primi modelli navali a cui questo popolo attribuiva straordinari poteri occulti legati al regno dei morti. È importante ricordare inoltre che in ogni epoca i bambini di ogni classe sociale hanno sempre giocato con giocattoli che conistevano in sommarie riproduzioni di oggetti e mezzi di trasporto in scala. Nel Medioevo invece, a cavallo tra il XI e il XV secolo, con la ripresa dei traffici marittimi si ritornò a costruire semplici modelli di velieri, spesso esposti nelle chiese. Dal XVI secolo poi, in concomitanza con le grandi esplorazioni, l'attività dei cantieri navali riprese vigore, aumentando così, parallelamente, la qualità e quantità dei modelli creati.

Indimenticabili sono poi gli splendidi modelli di velieri da guerra o di mercantili realizzati dagli artigiani modellisti che nel corso del Seicento e del Settecento venivano  offerti in dono ai giovani aristocratici come testimonianza delle gesta eroiche delle grandi flotte europee. Ai primi dell'Ottocento risalgono invece tutti i pregiati modelli di navi a vela, creati utilizzando il costosissimo osso di balena, e i modelli di soldati, realizzati con diversi metalli, dall'argento allo stagno, oggi considerati pezzi di pregiatissimo antiquariato. Tuttavia, solo dal XVIII secolo, si assiste ad una vera e propria produzione su scala commerciale dei modellini e più precisamente a Norimberga, nel sud della Germania , con le cosiddette Zinfiguren. Famosissimi  sono infatti i “soldatini di Norimberga”, tuttora prodotti e molto ricercati dai collezionisti, piccole miniature quasi bidimensionali in piombo create artigianalmente. Solo sul finire del Settecento in Francia vennero invece creati i primi soldatini tridimensionali grazie all'opera del fonditore parigino Lucotte.

Verso l'inizio del XIX secolo inoltre l'uso dei modellini venne introdotto in ambito pre-bellico; Napoleone fu infatti uno dei primi ad introdurre l'uso dei figurini e dei mezzi bellici per la simulazione dei movimenti delle truppe e delle strategie militari. A partire dal 1840, i territori dell'attuale Germania erano i leader indiscussi nella produzione dei soldatini a cui però, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del nuovo secolo, si aggiunse anche la Gran Bretagna. Il XX secolo vide invece la nascita dei modelli propriamente detti, spesso sotto forma di scatole di montaggio. I primi rudimentali kit per la costruzione di locomotive erano in commercio già nel primo Novecento, anche se treni giocattolo apparvero quasi insieme a quelli veri. In modo del tutto simile i primi modelli di aerei furono fabbricati sin dal primo volo dei fratelli Wright (1903), mentre i kit di montaggio furono disponibili a partire dagli anni Venti.

Il modellismo come hobby di massa si diffonderà infatti solo nella seconda metà degli anni Venti del XX secolo proprio grazie alla produzione delle scatole di montaggio, ma, in realtà, è solo a partire dagli anni trenta che con la diffusione, grazie alla loro pubblicazione su delle riviste specializzate, dei piani costruttivi delle antiche navi da guerra più note al grande pubblico, che si affermò il moderno concetto di modellismo navale, un concetto basato sulla rigorosa ricerca della documentazione necessaria a costruire un modello in tutto e per tutto fedele all'originale.

Negli anni Sessanta e nei primi anni Settanta il modellismo conobbe poi un'espansione incredibile ampliando la gamma di prodotti fino a comprendere auto antiche e moderne, moto, treni, veicoli militari, navi, razzi, navicelle spaziali e sempre più modelli di aerei. Verso l’inizio degli anni Ottanta invece, il mercato dei kit di montaggio subì un rapido ed inesorabile declino dovuto a diversi fattori, primo fra tutti lo sviluppo dei videogame e l'introduzione dei modelli già montati che portarono di conseguenza ad un drastico calo nel numero di persone interessate ad acquistare le scatole di montaggio in favore di chi si accontentava di giocare o di possedere nella prorpia collezione il modello già montato. Con la fine degli anni Novanta e l'inizio degli anni Duemila i produttori iniziarono a diversificare ulteriormente la loro produzione non solo dal punto di vista dell'oggetto riprodotto ma anche sotto il profilo della fascia di prezzo: oggi infatti si possono trovare automobili, treni, soldatini, navi e molto altro ancora in una varietà incredibile di materiali che permettono di offrire modelli adatti alle tasche di tutti gli appassionati.

Insomma, parlando di modellismo si discute di qualcosa di davvero antico che però non ha ancora visto la parola fine e che noi crediamo abbia davanti a sè ancora tanta strada da fare!

TIPOLOGIE DI MODELLISMO

Parlando di  modellismo come hobby ci si può riferire in particolare a due dimensioni parallele di tale attività: modellismo statico oppure modellismo dinamico. Entrambe queste forme di modellismo prevedono l'utilizzo di diversi  materiali che vanno da plastica, cartone, carta, legno fino alla vetroresina per creare i modelli in scala ma si differenziano principalmente per il modo con cui sono creati e per lo scopo per il quale tali modelli sono creati. 

MODELLISMO STATICO

Il modellismo statico consiste essenzialmente nella riproduzione fedele ma in scala di un oggetto. È la forma più antica di modellismo che spesso però viene erroneamente considerata quasi come un'attività meno nobile e di pregio rispetto al più accattivante modellismo dinamico. Nel modellismo statico vengono riprodotti in scala oggetti di tutti i tipi: auto, barche, moto, elicotteri, aeroplani ma anche case per le bambole, soldatini e tutto ciò che può idealmente essere riprodotto.

Sebbene i modelli statici possano sembrare più economici rispetto a quelli dinamici prorpio in virtù della maggiore semplicità attribuita alla mancanza della parte meccanica, in realtà, essendo realizzati con un numero incredibile di pezzi e una cura del dettaglio davvero maniacale, costituisticono delle vere e proprie opere d’arte e pertanto possono avere costi elevatissimi.

Modellismo dinamico


MODELLISMO DINAMICO 

Il modellismo dinamico invece, oltre alla riproduzione stessa, comune denominatore del lavoro del modellista, prevede che l'oggetto sia dinamico ovvero che, grazie all'utilizzo di un radiocomando che controlla un piccolo motore elettrico o a scoppio montato all'interno del modello, sia in grado di muoversi. Questo risulta essere però uno degli sviluppi più recenti di questa attività che comincia a vedere le luci della ribalta solamente a partire dal periodo a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

Il modellismo dinamico risulta più complesso per una serie di ragioni che concernono problematiche prevalentemente tecniche, soprattutto in ambito meccanico e fisico. I modelli dinamici vengono spesso utilizzati inoltre per organizzare delle competizioni che vedono come protagonisti in particolare auto, barche e aerei anche se, in realtà, i soggetti riprodotti sono molti di più.

C'È MODELLISMO E MODELLISMO

Il mondo del modellismo è una realtà davvero variegata che conta diversi ambiti di interesse. Esistono infatti diverse categorie di modellismo che si differenziano in quanto raffiguranti diverse tipologie di oggetti. Tali categorie sono davvero numerose anche se quelle più conosciute e praticate sono essenzialmente due: il modellismo navale e il modellismo ferroviario.

Modellismo navale


MODELLISMO NAVALE

Il modellismo navale consiste essenzialmente nella riproduzione in scala di imbarcazioni antiche o moderne. È un'attività artigianale dalle origini antiche di cui si trovano prove documentarie a partire dall'epoca della Roma antica. Il modellismo navale statico delle antiche imbarcazioni è da considerare in tutto e per tutto una vera e propria arte perché è assolutamente indispensabile che il modellista possegga un'indiscussa sensibilità artistica che gli permetta di cogliere ed apprezzare tutti i piccoli dettagli. Oltre ad una esperta padronanza delle tecniche e dei materiali usati, che potremmo definire quasi un prerequisito, un altro elemento imprescindibile è la ricerca scrupolosa, quasi ossessiva, delle fonti documentarie originali quali progetti di costruzione, studi iconografici e trattati sull'architettura navale.

Oggi è un'arte in continua espansione soprattutto però per quanto riguarda la riproduzione di navi moderne quali navi da guerra o mercantili. Questo indubbiamente grazie alla produzione e commercializzazione di scatole di montaggio che sono in continuo miglioramento sotto il profilo della qualità e dell'attenzione al dettaglio. È proprio questo avvenimento che ha portato infatti il modellismo alla luce della ribalta consacrandolo come hobby di massa.

Per il modellismo navale dinamico invece è tutta un'altra storia: si realizzano anche qui dei  modelli di imbarcazioni che però sono in grado di muoversi grazie al supporto di un motore controllato tramite radiocomando. Per motivi di carattere tecnologico è quindi quasi ovvio dedurre quanto questa branca del modellismo risulti decisamente più recente rispetto al modellismo navale statico in generale. Attualmente vi sono varie tipologie di modelli la cui distinzione si basa prevalentemente sul tipo di propulsione utilizzata: a vela, a motore endotermico oppure a motore con micro turboventola. Questi modelli vengono utilizzati, prorpio in virtù del fatto che possono muoversi, in delle suggestive competizioni che spesso risultano essere importanti avvenimenti per il territorio che le ospita.

Una passione senza tempo, fatta di dedizione, attenzione al dettaglio ma soprattutto di precisione e manualità, il modellismo navale è davvero una delle poche attività che è ancora in grado di portare con sè e quindi di tramandare non solo tutto il pregio di un'attività artigianale antichissima davvero inimitabile ma anche di essere testimone di alcuni frammenti della storia dell'uomo.

Modellismo ferroviario


MODELLISMO FERROVIARIO

Il modellismo ferroviario o ferromodellismo è branca del modellismo che crea delle riproduzioni in scala di ferrovie, di rotabili e di tutto ciò che ruota attorno a questo mondo. Nello specifico: il modellismo ferroviario statico o diorama consiste nel rappresentare degli ambienti in scala che rimandano al contesto ferroviario e in cui i trenini sono però privi di meccanismi che ne permettano il movimento su rotaia.

Con l'avvento dei trenini elettrici, agli inizi del XX secolo, costituiti di locomotive alimentate a bassa tensione grazie alle rotaie o ad una linea aerea, è diventata invece comune la costruzione di modellini di treni mobili che si posizionavano all'interno di scene statiche dove il materiale rotabile viene collocato in un determinato contesto geografico, con il chiaro intento cioè di riprodurre un'ambientazione reale che permettesse quindi all'osservatore del modello di apprezzarne l'accuratezza e quindi l'abilità stessa del modellista. Nasce così il modellismo ferroviario dinamico.

In questo caso il lavoro del ferromodellista si complica poiché si deve curare di numerosi aspetti che in un modello statico non devono essere presi in considerazione: la costruzione di un tracciato del tutto rotabile, la realizzazione dell'elettronica di controllo che permetta il movimento dei modelli sul tracciato e tutto questo cercando comunque di riprodurre fedelmente tutti i dettagli di località, tracciati, materiali, colori e ambientazione. 

Attualmente il ferromodellismo è forse una delle branche del modellismo che forse più ha perso parte del successo che riscuoteva in passato ma che, per fortuna, possiede ancora uno "zoccolo duro" di appassionati che continuano a coltivare e a portare avanti questa straordinaria anche se impegnativa passione.

UTENSILI PER MODELLISMO: L'IMPORTANZA DI UNA SCELTA  ADEGUATA

Come per ogni attività, anche per il modellismo, è fondamentale possedere gli strumenti adeguati che siano quindi in grado di fungere da supporto al lavoro dell'artista modellista.

Aerografia


AEROGRAFIA 

L'aerografia è una tecnica particolare che viene utilizzata per stendere il colore che viene attuata grazie all'aerografo, uno strumento che permette di nebulizzare diversi tipi di colore grazie all'aria compressa. La sua struttura è costituita da un corpo, l' aeropenna o aeropistola, collegato attraverso un tubo flessibile ad un compressore che,  grazie ad un flusso di aria compressa, permette di nebulizzare il colore. Il colore può essere di vari tipi e viene inserito in un serbatoio che può differenziarsi per dimensioni e per il posizionamento sullo strumento stesso. L'aerografia è quindi una tecnica davvero utile che semplifica di gran lunga il lavoro del modellista ma che, allo stesso tempo, gli permette di creare delle vere e proprie opere d'arte. Per essere sicuro di acquistare solo i migliori prodotti per l'aerografia scegli Viceconti, punto di riferimento per i modellisti ormai da più di 40 anni. 

MODELLI MONTATI 

I modelli montati sono modellini di primissima qualità che sanno stupire per la cura del dettaglio che risulta davvero elevatissima e che li rende tutti delle vere e proprie opere d'arte. Per chi non ha tempo sufficiente da dedicare alla meravigliosa passione che è il modellismo ma non ha alcuna intenzione di rinunciare a possedere dei modelli davvero unici può decidere infatti di acquistare i modelli che Viceconti, con grande professionalità ed esperienza, ha selezionato appositamenete per voi.

SCATOLE DI MONTAGGIO

Le scatole di montaggio hanno al loro interno un insieme di componenti da assemblare. Il loro assemblaggio permette di creare dei modellini meravigliosi, realistici e ricchi di dettagli. Vi sono diverse tipologie di modellini tra cui scegliere: moto, aerei, mezzi militari, navi e velieri e tanto altro ancora. Qualsiasi cosa si desideri Viceconti è in grado di fornirvelo grazie ad un catalogo ampio e di primissima qualità.

Elettroutensili per modellismo
 

ELETTROUTENSILI PER MODELLISMO 

Parliamo di seghe circolari, smerigliatrici, trapani, torni, levigatrici, pialle e saldatori. Tutti questi elettroutensili per modellismo sono elementi indispensabili per portare a termine tutte le azioni che vi permetteranno di creare un modello di qualità, in tutto e per tutto simile al suo corrispettivo reale. Tagliare, levigare e saldare sono infatti alcune delle azioni indispensabili che permettono di assemblare e di rifinire il modello e quindi è fondamentale che gli strumenti utilizzati, allo scopo di ottenere un risultato finale davvero eccelso, siano i migliori in termini di qualità dei materiali, sicurezza nell'utilizzo e livelli performativi. La soluzione adeguata ad ogni esigenza è infatti offerta da Viceconti, realtà che ormai da più di quattro decenni offre con professionalità ed esperienza tutto ciò di cui i modellisti possano mai avere bisogno per dare libero sfogo alla loro passione.

UTENSILI MANUALI PER MODELLISMO

Parliamo di cacciaviti professionali, chiavi, bussole, inserti, pinze, tenaglie e tanto altro ancora, tutti strumenti indispensabili per chi voglia coltivare la propria passione per il modellismo. Tutti gli utensili manuali per modellismo devono rispondere a stringenti criteri che riguardano innanzitutto qualità e sicurezza nell'utilizzo. Viceconti ormai da oltre 40 anni è una realtà d'eccellenza che è in grado di garantire tutto questo coniugando tutte queste caratteristiche con dei prezzi davvero ottimi e del tutto competitivi.
Viceconti srl - PI. 02616660235 - Via Fenil Novo, 18 - 37036 San Martino B.A. (VR) Credits: Gruppo Volta